Arena di Verona

Il teatro lirico più grande al mondo

L’Arena di Verona è il più grande teatro lirico all’aperto al mondo, il terzo anfiteatro romano per grandezza in Italia e il più antico con il miglior grado di conservazione. Insieme al balcone di Giulietta, è uno dei simboli di Verona.

La sua storia è assai antica e risale al primo secolo d.C.: venne costruito in piazza Bra, al tempo situata al di fuori della cinta muraria della città, e venne completato verso il 30 d.C.
L’Arena fu utilizzata, al pari del Colosseo, per offrire ai cittadini veronesi svariate tipologie di ludi e di spettacoli, tra i quali anche lo scontro tra gladiatori.

Dal 1600 sede di giostre e spettacoli come la caccia dei tori, fin dall’1800 ospitò una serie di opere liriche, prima fra tutte La Santa Alleanza, con le musiche di Gioacchino Rossini. In quel periodo inoltre erano molto apprezzate gare di equitazione e velocipedistiche, spettacoli di ascensione con aerostato, esercizi ginnici acrobatici, la commedia e il gioco della tombola.

La prima stagione lirica si ebbe nel 1856 quando furono eseguiti Il Casino di Campagna e La fanciulla di Gand di Pietro Lenotti e Le convenienze teatrali e I pazzi per progetto di Gaetano Donizetti.

Nel 1913 la rappresentazione dell’Aida aprì ufficialmente il Festival lirico areniano. Da quell’anno l’anfiteatro veronese divenne il più grande teatro lirico all’aperto al mondo. Ogni anno, oltre al Festival Lirico, ospita numerosi concerti di musica leggera di importanti artisti sia italiani sia internazionali.

Teatro Romano di Verona

L'edificio più antico di Verona

Il Teatro Romano è l'edificio più antico di Verona: la sua costruzione, infatti, risale alla fine del I secolo a.C.. Fu costruito a ridosso di colle San Pietro, nella parte settentrionale della città antica, sfruttando la pendenza naturale del terreno per costruire le gradinate.

Durante il Medioevo il teatro venne danneggiato da inondazioni e terremoti, ed infine sepolto da case e conventi.

A fine Ottocento, grazie all'opera di Andrea Monga, un medico con la passione per l'archeologia, ed al Comune di Verona, venne acquistata l'area sotto cui il teatro riposava da quasi due millenni, furono demolite le casupole che sorgevano sulla cavea e si riportò alla luce ciò che rimaneva del Teatro Romano.

A rendere ancora più suggestiva la scena contribuiscono due edifici che sono sopravvissuti agli scavi per il suo recupero: il Convento di San Girolamo e la Chiesa dei Santi Siro e Libera.

Il Teatro Romano, oltre ad essere uno dei monumenti archeologici più rilevanti di Verona – è parte infatti del Museo archeologico cittadino – viene tuttora adoperato come spazio teatrale durante i mesi estivi, ospitando l’Estate teatrale veronese.

Opera on Ice, Intimissimi OperaPop on Ice e Intimissimi on Ice sono marchi registrati dai rispettivi titolari.

Copyright © 2016 Opera on Ice. Tutti i diritti riservati.
Foto © Guindani | © La Presse | © Photo Kia

OPERA ON ICE srl
P.I. 03678000245 - R.E.A VI344696

Iscriviti alla newsletter